Hai comprato il divano nuovo che avevi sempre sognato e temi che possa rovinarsi? Oppure il tuo divano è ancora strutturalmente buono ma il tessuto è usurato oppure non ti piace più? Il modo migliore per dargli nuova vita o proteggerlo da imprevisti giornalieri è proprio utilizzare un copridivano. Invece di complicarti la vita con rivestimenti o imbottiture nuovi, queste fodere sono la giusta soluzione per proteggerlo, dare un nuovo look al tuo divano e renderlo anche più elegante. E poi, quando cambierai idea e cambieranno i tuoi gusti, potrai sostituirlo facilmente con uno nuovo per modificare il colore o lo stile, senza sostituire il divano.

Perché è importante avere un copridivano

Oltre che per la sua utilità e per la protezione da macchie, usura e “incidenti” domestici, avere una fodera copridivano o copripoltrona è un modo funzionale per rendere diversi i tuoi mobili. Anche se spesso le fodere per divani godono di una cattiva reputazione, perché si pensa alle stampe floreali sgargianti che usavano le nostre nonne in passato, in realtà se acquisti il copridivano giusto, abbinandolo al tuo arredamento, sarà veramente una svolta positiva. Infatti, ne esistono alcuni davvero eleganti che oltre a proteggere il tuo divano, lo renderanno unico nel suo genere, sia che abbia la penisola, o sia angolare o senza braccioli.

Quali sono le tipologie di copridivano

In base alle proprie esigenze, ormai sono tantissime le tipologie di copridivano disponibili. Esistono infatti quelli costituiti da un pezzo unico che ricopre solo le zone più a “rischio” come seduta e braccioli, poi ci sono le fodere elasticizzate che si allungano per adattarsi alle misure del tuo divano, o ancora copridivano con fodere separate per ogni cuscino.

Oltre alla tipologia, anche i tessuti tra cui scegliere sono tantissimi: in microfibra, imbottiti o trapuntati, in cotone, leggeri e facilmente lavabili, elasticizzati o antimacchia, in velluto, seta o lana.

Tra tutti, i copridivani più comodi e versatili sono quelli elasticizzati, realizzati in poliestere o cotone con aggiunta di fibre elastiche e quelli antimacchia e impermeabili, i cui materiali sono sottoposti a trattamenti idrorepellenti, entrambi hanno la praticità di essere facilmente lavabili.

Come scegliere il salvadivano universale perfetto per il tuo divano

Prima di acquistare un copridivano è importante tenere a mente alcuni fattori per essere sicuri di scegliere quello giusto:

  • prendi bene tutte le misure, misura attentamente da bracciolo a bracciolo, la profondità, i cuscini (è sempre meglio calcolare qualche centimetro in più);
  • scegli la tipologia più adatta alle tue esigenze,
  • preferisci un tessuto resistente e che duri nel tempo,
  • se vuoi che il tuo divano non sembri coperto in modo poco elegante, scegli dei rivestimenti che hanno la possibilità di essere legati con dei lacci, o con cerniere, o a strappo o elasticizzati,
  • considera lo stile di vita tuo e della tua famiglia e pensa come viene utilizzato il divano, se hai animali domestici, se siete soliti mangiare lì mentre guardate la TV o se hai bimbi piccoli.

Tutti questi fattori ti aiuteranno a scegliere il modello e il tessuto giusto per te.

avatar Staff
Blogger e Copywriter vari che collaborano periodicamente nelle ricerche e nei test dei prodotti recensiti. Se vuoi collaborare anche tu: info@casa.re
Precedente Arredare uno spazio cucina-soggiorno di 20mq
Successivo Pavimenti laminati Leroy Merlin: prezzi, opinioni, posa

Fai una domanda su questo post.