L'Arera (l'Autorità di Regolazione Energia Reti e Ambiente) ha recentemente spiegato che a seguito dei forti cali dei mesi scorsi, dovuti all'emergenza coronavirus, a partire da ottobre 2020 per le bollette di luce e gas delle famiglie servite in maggior tutela arriva una stangata record: un aumento del 15,6% per la luce e dell'11,4% per il gas. I prezzi dell'energia quindi torneranno a livelli vicini pre-Covid anche se la stessa Arera tiene a precisare che per le famiglie tipo sono ancora previsti risparmi in bolletta, per tutto il 2020.

Vediamo, più nel dettaglio, quali sono le ragioni che hanno causato l'aumento, gli effetti sui consumatori e come fare per risparmiare su energia e telefonia nel nuovo anno cambiando gestore di luce&gas e telefonia.

Aumenti luce e gas: quali sono le ragioni

La ripresa del consumo di energia, che conferma la ripartenza dell'economia sia in Italia che in Europa, ha portato ad un graduale rialzo delle quotazioni. Nei prossimi mesi il quadro generale sarà ulteriormente influenzato dalle scelte che verranno prese sul Recovery Fund in materia di fonti rinnovabili. Nei mesi scorsi c'è stato un vero e proprio crollo dei prezzi causato dall'emergenza coronavirus che ha inciso considerevolmente sui prezzi all'ingrosso.

Le ragioni che hanno portato a questo considerevole aumento sono stati causati da due fattori concomitanti: in primo luogo i prezzi che si registrano nel periodo autunnale sono in generale più alti rispetto a quanto lo siano in primavera o in estate. Questa tendenza, molto forte nei mercati all'ingrosso, inevitabilmente si ribalta anche nel prezzo applicato alle famiglie che hanno ancora una fornitura nel mercato tutelato: forti risparmi nei mesi in cui i prezzi scendono e forti rincari quando i prezzi aumentano.

Oltre all'effetto stagionale si deve anche tener conto della ripresa dei consumi di gas&luce e telefonia delle attività commerciali e industriali che nel periodo di lockdown avevano subito un vero e proprio arresto. Tutto ciò risponde alla regola per cui se sale la domanda sale anche il prezzo.

Aumenti luce e gas: gli effetti sui consumatori

Secondo Arera, nonostante il rincaro dei prezzi di luce e gas a partire dal primo ottobre, nel 2020 la famiglia tipo italiana continuerà comunque a beneficiare di un risparmio complessivo annuo di circa 207 euro in più rispetto al 2019. Secondo le stime di Arera infatti la spesa di una famiglia tipo per l'energia elettrica nel 2020 sarà di circa 485 euro con un risparmio di circa 74 euro annui.

Per il gas invece la spesa sarà di circa 975 euro con un risparmio di circa 133 euro rispetto all'anno precedente. Di tutt'altro avviso sembra essere l'Unione nazionale dei consumatori che ha messo sul tavolo stime del tutto diverse rispetto a quelle precedentemente elencate dall'Autorità di Regolazione Energia Reti e Ambiente. Secondo i calcoli dell'associazione consumatori i rialzi di bollette di luce e gas (calcolati non su base annua ma a partire dall'1 ottobre fino al 31 dicembre 2020) porterebbero ad ogni famiglia una maggiore spesa complessiva pari a 166 euro (70 per la luce e 96 per il gas). Una stangata record, senza precedenti. Dei rincari così non si registravano dal lontano gennaio 2003.

Cambio gestore luce e gas: il modo migliore per risparmiare

Nonostante i notevoli aumenti di prezzo c'è ancora un modo per risparmiare: cambiare gestore di luce e gas. Per chi fosse ancora nel mercato tutelato, il suggerimento è di valutare il passaggio al mercato libero; questo potrebbe abbassare il prezzo della bolletta elettrica fino al 30% e quello del gas fino al 16%. Chi è già nel mercato libero invece potrebbe valutare di cambiare tipologia di tariffa, passando da una bioraria ad una monoraria e viceversa.

Chetariffa.it è un comparatore di tariffe completamente gratuito e di facile utilizzo che permette di trovare l'offerta migliore e più adattata alle proprie esigenze.

Cambiare fornitore di luce e gas: 10 cose da sapere

Oggi il modo migliore per risparmiare, cercando di subire il meno possibile l'impatto causato dal rincaro dei prezzi, è cambiare il fornitore di luce e gas. Nonostante a partire dalla metà del 2019 è stata introdotta la completa liberalizzazione del mercato dell'energia, oggi molte famiglie fanno ancora parte del mercato tutelato e si trovano con vecchi contratti e vecchie tariffe che li portano a pagare bollette salatissime.
Ecco perché conviene cambiare gestore luce e gas:

  • Rimane il modo migliore per abbattere i costi in bolletta e risparmiare effettivamente grazie a tariffe più vantaggiose.
  • Quando si sottoscrive un contratto con un nuovo fornitore spesso si ricevono dei bonus di benvenuto sull'offerta scelta.
  • Il cambio fornitore è completamente gratuito e non prevede alcun costo.
  • Quando si esegue il passaggio da un fornitore all'altro non esistono penali.
  • Non bisogna effettuare il cambio del contatore.
  • Durante il passaggio non esiste la sospensione del servizio di luce e gas.
  • Se si hanno fornitori diversi per luce e gas sceglierne uno unico per entrambi consente di ottimizzare i costi e risparmiare realmente sulle bollette.
  • Effettuare la voltura con un nuovo gestore, soprattutto se da poco ci si è trasferiti in una nuova casa, è importante per non trovarsi con un'offerta datata e poco consona alle proprie esigenze e abitudini.
  • Anche se non totalmente scomparso il mercato di maggior tutela sta progressivamente sparendo a favore del mercato libero. Ragione in più per scegliere una tariffa e un gestore conveniente ed evitare fregature in bolletta.
  • Se si vuole cambiare il fornitore di luce e gas, la scelta migliore è affidarsi a Chetariffa.it Un portale affidabile con un customer all'altezza e con tariffe davvero vantaggiose.
    Date un'occhiata, chiedete un preventivo gratuito e scoprite come funziona il cambio gestore.

Cambio gestore telefonia: come scegliere offerte vantaggiose per internet e telefono

Ridurre i costi di internet e telefono è uno dei principali obiettivi di molte famiglie italiane. Per tagliare i costi la soluzione più opportuna è scegliere una tariffa consona ai propri consumi. Tra gli accorgimenti che ognuno può adottare per trovare la tariffa migliore ricordiamo:

  • Scegliere un unico gestore per telefonia e internet.
  • Verificare la copertura di rete della propria zona.
  • Optare, come mezzo di pagamento, per la domiciliazione elettronica con fatturazione via e-mail che consente di abbattere i costi.
  • Verificare che non ci siano penali in caso di recesso.
  • Infine l'ultimo, ma anche il più importante, escamotage per risparmiare è quello di affidarsi ad un comparatore serio, affidabile e trasparente come Chetariffa.it, un portale che consente di comparare diverse offerte e trovare quella più conveniente e adatta alle proprie esigenze.

Trova la Migliore Offerta per Te

Se l'offerta di Fastweb non risponde alle tue specifiche esigenze, la soluzione migliore è allora quella di mettere a confronto le varie opportunità che il mercato della telefonia ci offre. Se vogliamo davvero risparmiare sulle bollette telefoniche e internet, dobbiamo armarci di pazienza e valutare diversi aspetti prima di scegliere il miglior fornitore: innanzitutto dobbiamo capire quali sono le nostre abitudini di uso e consumo, la copertura di Rete nella nostra zona, le opportunità di pagamento e l'assistenza Clienti, non solo quindi, il prezzo.

Per velocizzare questo processo decisionale, oggi sul web esistono diversi strumenti di comparazione come il famoso portale CheTariffa.it dove è possibile ottenere prezzi e dettagli su tutti gli operatori di telefonia e mobile, fibra e ADSL. Clicca il banner e prova gratuitamente il comparatore prezzi per telefonia e internet.

avatar Staff
Blogger e Copywriter vari che collaborano periodicamente nelle ricerche e nei test dei prodotti recensiti. Se vuoi collaborare anche tu: info@casa.re
Precedente Meglio Pril o un Detersivo lavastoviglie fai da te efficace?

Fai una domanda su questo post.