Si tratta di un fenomeno non compreso da tutti, dentro il mondo del collezionismo di queste bambole iperrealistiche c'è molto di più di una semplice collezione.

Queste bambole sembrano dei neonati in carne e ossa, sono talmente realistiche che chiunque penserebbe di avere davanti un bambino vero.

Realizzate da artisti di tutto il mondo, possono costare centinaia e talvolta anche migliaia di euro. Sono fatte di vinile o silicone o softvinile siliconato per riprodurre la morbidezza della pelle di un bambino e sono curate nei particolari con vene, pori, lacrime e saliva. Alcune sono dotate anche di sistemi che imitano la respirazione e un cuore che batte.

La maggior parte delle persone che possiedono queste bambole sono collezionisti. Ma per alcuni sembrano fornire un vero e proprio beneficio terapeutico.

Il mondo delle bambole Reborn suscita molta curiosità in chi non ne è a conoscenza o per chi le vede per la prima volta.

Spesso, molte donne decidono di prendere una bambola Reborn a seguito di eventi traumatici che hanno vissuto, alcune raccontano di aver acquistato una di queste bambole dopo aver subito un aborto spontaneo, per colmare un vuoto che sentivano dentro, o durante un periodo negativo di depressione.

Più di una semplice bambola

Navigando su Internet è molto semplice trovare testimonianze di persone che sono in possesso di una di queste bambole e del rapporto che hanno con loro. Non si tratta infatti solo di oggetti di arredamento, o di pezzi da esporre o con cui fare giocare i bambini. Anzi. Per alcuni, queste bambole diventano veri e propri membri della famiglia, tanto che moltissime persone le portano in giro al parco, in vacanza, al supermercato, o le fanno figurare nelle foto di famiglia come membri a tutti gli effetti di essa.

Per molti è anche un modo per svagare, per evitare di pensare, un modo per concentrare le energie in qualcosa di positivo. In tante affermano che basta prendere in braccio la bambola, cambiarla d'abito, scattarle qualche foto e tutti i pensieri negativi vanno via. Sono quindi di grande aiuto per tante donne che stanno affrontando dei momenti particolari della loro vita.

Spesso vengono appunto utilizzate anche a scopo curativo ed educativo, soprattutto in contesti socioeducativi, tant'è che si è sviluppata una vera e propria "Doll therapy", grazie ai pensieri di dolcezza ed empatia che queste bambole sono in grado di generare, anche per prevenire o contrastare stati d'ansia e depressione.

Sono talmente pregiate che non andrebbero acquistate per far giocare bambini al di sotto dei 10 anni di età, a meno che essi siano già in grado di avere cura e gestire oggetti pregiati, non si tratta infatti, come alcuni potrebbero pensare, di bambole qualsiasi con cui giocare.

Piccole opere d'arte

Per quanto possa essere sottovalutato, il mondo delle bambole Reborn è una vera e propria finestra d'arte. La tecnica è nata negli Stati Uniti nella seconda parte degli anni '90 e inizialmente queste bambole venivano vendute nei mercatini di quartiere. Con l'avvento di Internet la diffusione si è ampliata fino ad arrivare a oggi, con un vero e proprio fenomeno del reborning, molto diffuso anche grazie ai social media. Le artiste che le creano sono chiamate Reborn Artist o Reborner. La tecnica di preparazione e di creazione è molto lunga e particolare e per questo i prezzi delle Reborn possono anche essere molto alti se realizzate artigianalmente. Queste bambole, infatti, sono curate nei minimi dettagli, ogni capello viene inserito separatamente con un ago minuscolo prima ancora che la testa sia finita e collegata al corpo. I particolari del viso sono dipinti, le ciglia cucite una per una per dare al viso un aspetto quanto più realistico possibile.

Amore e odio

Non tutti sono innamorati delle bambole Reborn, il forte realismo di cui sono caratterizzate ad alcuni può dare fastidio. Molte persone addirittura le odiano e le trovano inquietanti, anche se la maggior parte delle esperienze sembrano essere positive, tutti rimangono affascinati da quanto i dettagli siano curati e precisi. E non sono poche le persone che hanno scambiato queste bambole per bambini veri.

Ovviamente questo estremo realismo può avere anche dei risvolti negativi. Dato che i proprietari delle bambole Reborn sono soliti portarle con loro ovunque, una volta è successo che su un autobus una bambola è caduta dalle mani di una ragazza, finendo per terra. Questo ha scatenato il panico di tutti i passeggeri, l'autista ha fermato il mezzo, qualcuno ha chiamato i soccorsi e ci è voluto un po' affinché tutti si accertassero che si trattasse davvero di una bambola, perché sembrava un neonato vero. Per questo è importante stare attenti a dove si portano per evitare spiacevoli avvenimenti.

Non è, infatti, l'oggetto in sé a essere negativo, ma l'uso che se ne può fare. Data la somiglianza davvero impressionante con un bambino vero, e le sensazioni che le Reborn sono in grado di dare, si rischia di confondere realtà e finzione.

Come prendersi cura di una bambola Reborn?

Alcune di queste bambole sono davvero tanto costose e per questo, una volta acquistate, bisogna prendersene cura nel migliore dei modi. Vediamo alcuni consigli per curarle al meglio

  • Evita di esporla a diretto contatto con il sole, i raggi solari, infatti, potrebbero notevolmente danneggiare la tua bambola alterandone il colore o creando abrasioni o screpolature; fai anche attenzione a non metterla vicino a fonti dirette di calore.
  • Quando la pulisci, evita di strofinarla, perché potrebbero venire via il colore e i dettagli della pelle. Non utilizzare dei panni troppo bagnati per pulirla, soprattutto se il corpo della bambola è realizzato in tessuto. Assicurati comunque che sia ben asciutta prima di riporla.
  • Cura con molta attenzione i capelli della tua bambola! Sia i capelli in Mohair, molto fragili e delicati soprattutto se bagnati, che parrucche, devono essere curati con attenzione. Nel caso in cui la bambola abbia la parrucca è possibile pettinarla molto delicatamente con una spazzola. Non bisogna mai lavare i capelli della Reborn con shampoo, nemmeno con quello delicato per bambini.
  • Attenzione al colorante per tessuti. Il materiale di cui sono fatte le Reborn non sopporta alcuni coloranti per tessuti quindi è preferibile utilizzare dei body per proteggere il corpo della bambola e non metterlo a contatto diretto con capi colorati.
  • La polvere è nemica delle bambole Reborn, quindi abbi cura di pulirla delicatamente, magari utilizzando un pennello da trucco a setole morbide. Per pulire la pelle, invece, utilizzate un batuffolo di cotone morbido umido, senza strofinare.
  • Se la bambola Reborn viene maneggiata raramente è consigliato tenerla in posizione distesa, come un vero bambino, in modo da non farla deformare a causa del peso.

Dove acquistare le bambole Reborn?

Se ti vuoi avvicinare a questo mondo sicuramente ti sarai chiesta dove si comprano le bambole Reborn, dove si vendono le bambole Reborn. La risposta è molto semplice: online. È possibile trovare una grandissima scelta di bambole Reborn grandi, originali, in silicone e con tutte le caratteristiche che più ti interessano. Si possono, quindi, trovare online e ormai sono disponibili in tanti siti come Amazon, Gearbeast, AliExpress o Wish. La scelta è davvero vasta e anche in base alla gamma di prezzi si possono trovare bambole Reborn, sia femmine che maschi, più o meno realistiche, con vari accessori già inclusi nel prezzo come vestiti e biberon o ciuccio.

avatar Staff
Blogger e Copywriter vari che collaborano periodicamente nelle ricerche e nei test dei prodotti recensiti. Se vuoi collaborare anche tu: info@casa.re
Precedente Athleisure wear per uomo e donna: significato e tendenze
Successivo Cinema indipendente italiano e internazionale in streaming

Fai una domanda su questo post.